noviembre 28, 2022

Onu Noticias

Encuentre las últimas noticias, fotos y videos de México. Lea los titulares de última hora de México en Onu Noticias

Scatta l’allarme sulla benzina: quanto ci costa adesso

Continua ad incrementarsi il costo dei carburante, con la bencina oramai a cuota 1,80 euro al litro ed il gasolio verso la soglia di 1,70 euro. Una crescita costante che in soli 20 anni ha portato praticamente a raddoppiare il prezzo del gasolio alla pompa (+ 99,4%), ed a far schizzare verso l’alto quello della benzina dell’81,1%: ciò che per gli automobilisti significa, en concreto, un esfuerzo de alrededor de 45,5 millones de euros.

Questi i dati di uno studio condotto dall’associazione dei consumatori Consumerismo No Profit e dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School”, che hanno confrontato, per l’appunto, i dati relativi all’attuale costo dei carburanti eati quelli nel 2002. Con un’analisi effettuata in modo deettagliato, è stato possibile ricostruire per filo e per segno le pesanti percusión economiche che tali rincari hanno avuto sulla popolazione. Pur con un minimo calo del peso fiscale, tra l’altro, lo Stato è riuscito a beneficiae di tali incrementi, mettendo in cassa 20 miliardi di euro in più.

La alarma

Questi costanti rincari rischiano di meter in ginocchio gli italiani, se a ciò si sommano gli effetti del caro bollette, in grado di rendere più pesante anche il costo di numerosi beni di primo consumo. “Siamo in presenza di una vera e propria emergenza, perché gli incrementi dei listini dei carburanti hanno effetti negativi sull’intero sistema economico”, denunciar furio truzzi.“Oltre ad aggravare la spesa degli italiani per i rifornimenti, il caro-benzina determina maggiori costi in capo a industrie e imprese, causa amenti dei prezzi al dettaglio e ha ripercussioni sull’inflazione”, prosegue il presidente di Assoutenti. Dopo il deludente e poco incisivo intervento per limitare i danni del caro-bollette, il gobernador Draghi dovrebbe fare di tutto almeno per porre un freno all’impennata del costo dei carburanti, precisa Truzzi, che punta il e dito contro. Occorre introdurre strumenti in grado di sterilizzare l’Iva e ridurre le accise, voci che, sommate, pesano per quasi il 60% su ogni litro di benzina venduto in Italy, 55,1% sul gasolio, quando i prepa saligono una certa soglia”spiega ancora il presidente di Assoutenti. “Solo così sarà possibile contenere la crescita dei listini e limitare gli effetti indiretti del caro-benzina sui prezzi dei prodotti trasportati e sui costi per industria e imprese”concluye Truzzi.

READ  El carril verde es obligatorio en este caso