mayo 18, 2022

Onu Noticias

Encuentre las últimas noticias, fotos y videos de México. Lea los titulares de última hora de México en Onu Noticias

Lo scontro all’ONU tra Russia e Stati Uniti

Lunedì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite i rappresentanti di Stati Uniti e Russia si sono scontrati duramente sulla questione ucraina, acusando a vicenda di voler alimentare la tensione y mostrando che una possibile soluzione diplomatica che consenta una normalizzazione dei rapporti al confine tra la Russia e l’Ucraina è ancora lontana. La Russia ha ammassato oltre 100 mila soldati al confine ucraino, ei gobernati occidentali temono che si stia preparando a invadere il paese.

La riunione del Consiglio di sicurezza era stata richiesta la settimana scorsa dagli Stati Uniti, e fino all’ultimo i diplomatici russi avevano tentato di impedire che si tenesse. Per gli Stati Uniti il ​​​​dibattito alle Nazioni Unite è stato un modo per metere in guardia pubblicamente la Russia e per mostrare a tutti il ​​​​sostegno americano all’Ucraina.

Linda Thomas-Greenfield, l’ambasciatrice americana presso l’ONU, ha accusato la Russia di essere “una minaccia per la pace e la sicurezza”. “La situazione che stiamo affrontando in Europa è urgente e pericolosa, e la posta in gioco per l’Ucraina e per ciascun altro membro dell’ONU non potrebbe essere più alta”.

Il Consiglio di sicurezza dell’ONU del 31 de enero (Spencer Platt/Getty Images)

Vasily Nebenzya, l’ambasciatore russo, ha risposto molto duramente, dicendo che la russia, ha tutto il diritto di spostare le proprie truppe all’interno del suo territio, le acusó a american costituiscono un’ingerenzati e che, unit ei loro alleati a generare “istaria” e tensione: “I nostri colleghi occidentali stanno parlando della necessità di a de-escalation, ma loro stessi stanno crando tensioni con la loro retorica e stanno provocando un’escalation”, ha de stessi Thomas Greenfield. “E come se steste desiderando e aspettando che succeda, come se voleste trasformare in realtà la vostra speculazione.”

READ  Variante Omicron, seguro Holanda. GB Scientists: Medidas o crisis

Nebenzya ha poi accusato l’Ucraina di alimentare un sentimento anti russo, e ha agregado una minaccia nemmeno tanto velata: «Se i nostri partner spingono Kiev a sabotare gli acordes de Minsk [cioè gli accordi per una tregua per fermare gli scontri in Ucraina orientale, mai davvero rispettati nemmeno dalla Russia, ndr], cosa che l’Ucraina sta facendo, le cose potrebbero finire nel modo in assoluto peggiore per l’Ucraina», ha detto, aggiungendo che il paese «rischia di distruggersi da solo, e la Russia non avrebbe nfaree cone a quest».

La discusión è proseguita in maniera piuttosto dura. Quando poi è stato il turn di parlare dell’ambasciatore ucraino, Nebenzya si è alzato e ha lasciato la sala, dicendo di avere un altro impegno.

Il momento in cui l’ambasciatore russo all’ONU, Vasily Nebenzya, si alza e se ne va (AP Photo/Richard Drew)

La riunione del Consiglio di sicurezza si è conclusa senza che, come atteso, sia stata presa alcuna decisione risolutiva: la Russia, che è un membro permanente del Consiglio, ha il diritto di veto, ed anche sostenuta in dalla questina. Ma la riunione serviva soprattutto agli Stati Uniti per dare una dimensione pubblica e ufficiale allo scontro diplomatico in corso. L’ambasciatore cinese Zhang Jun, sarcásticamente, ha definido l’azione americana come “diplomazia del microfono”.

Gli sforzi diplomatici per evitare una crisi militare in Ucraina stanno comunque proseguendo. Anthony Blinken y Sergei Lavrov, rispettivamente segretario di Stato americano y ministro degli Esteri russo, si sentiranno martedì al telefono. Blinken ha detto lunedì di aver ricevuto la risposta russa alla carta inviata qualche giorno fa, in cui ribadiva la volontà americana di risolvere la questione per via diplomatica. Ha agregado però che «non sarebbe produttivo» discutere in pubblico del contenuto della risposta.

READ  Evaluación del cumplimiento de vacunas en vuelos domésticos.

pierna anche: Com’è oggi l’esercito della Russia

Stanno proseguendo anche i tentativi americani di sostenere gli alleati europei, più dipendenti economicamente dalla Russia soprattutto por le importazioni di gas naturale. Lunedì gli Stati Uniti hanno designato il Qatar come “grande alleato non NATO”, una definizione che implica maggiori rapporti commerciali e di condivisione di technologia e armi. Nel caso en cui la Russia dovesse interrompere le forniture di gas all’Europa, è probablemente che parte delle forniture sostitutive receiverà proprio dal Qatar, e questa dichiarazione di alleanza dovrebbe dare garanzie sia al Qatar che all’Europa.

Intanto, nei prossimi giorni vari capi di stato e di gobernado alleati della NATO andranno in Ucraina a mostrare il proprio sostegno al presidente Volodymyr Zelensky. El primer ministro británico Boris Johnson, en crisi nel suo paese, andrà en Ucrania martedì. Nei prossimi giorni faranno lo stesso i leader dei Paesi Bassi, della Polonia e della Turchia.

pierna anche: La OTAN si prepara per la guerra